Convegno No Tav a Bolzano: “Il popolo delle formiche”

 

Non esiste una ragione valida per giustificare quest’opera, estremamente impattante dal punto di vista ambientale, sociale ed economico… nessun vantaggio per la popolazione locale”.

Parole ripetute più volte dai diversi esperti che ieri sera nella sala del Comune di Bolzano hanno parlato alla serata informativa dal titolo: “Un tunnel senza fine: a chi e  a cosa servono  Galleria e Tav del Brennero”. Organizzata da diverse associazioni ambientaliste altoatesine e trentine, la prima delle due serate (la seconda si svolgerà a Trento il 7 giugno prossimo) è stata coordinata da Alessandra Zendron che nella sua introduzione ha sottolineato come i cittadini abbiano diritto ad essere informati e che il loro parere dovrebbe essere vincolante nei riguardi di grandi opere come il progetto dell’Alta Velocità.

Zendron ha posto il problema sulla reale utilità di quest’opera, che comunque senza nuove normative europee, e attualmente non ce ne sono, non garantisce il passaggio del trasporto merci dalla gomma al treno. Il progetto dell’Alta Velocità andrebbe a ferire un ambiente molto delicato che è quello delle Alpi con alto rischio di danni irreversibili. Un ulteriore problema, ha continuato Zendron, è rappresentato dalla ragionevolezza economica e quindi dalla finanziabilità del progetto stesso, sui quali c’è una grande confusione.
Segue su http://www.ambientesalute.org/

 

Bolzano, 1 giugno 2007
Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci