«Tav, solo territori e denaro bruciati»
«Ferrovia senza benefici. No a 30 anni di cantieri»

 

TRENTO - Il mega progetto dell’alta velocità/capacità ferroviaria Verona-Innsbruck, con gli oltre cinquanta chilometri di tunnel del Brennero, si inserisce a pieno titolo fra le grandi opere inutili, prive di reali benefici sociali ma dannose per i territori e le comunità attraversati, costosissime per le casse pubbliche, in un inestricabile intreccio tra affari privati e decisioni pubbliche.

È la tesi di fondo emersa nella seconda serata (la prima si era svolta a Bolzano) del ciclo «Un tunnel senza fine», che l’altra sera ha riempito il teatro San Marco di Trento. In assenza di un’informazione completa e attendibile da parte dell’ente pubblico, una decina di organizzazioni regionali si sono fatte carico di fornire alla cittadinanza l’opportunità di incontrare una serie di esperti del settore, proprio mentre in Alto Adige le ruspe cominciano a mangiarsi prati e boschi nei vasti cantieri aperti presso Mules e Aica (nuovo rinvio invece per il cunicolo esplorativo del mega tunnel, a causa di una disputa legale sugli appalti).

Ne è uscita una panoramica che, pur basandosi prevalentemente su dati e studi ufficiali, conduce a conclusioni opposte: l’alta velocità è un progetto senza senso in un Paese policentrico (la patria dei comuni) e morfologicamente complesso quale l’Italia, tanto che solo il 20% della domanda ferroviaria passeggeri riguarda le lunghe distanze coperte da questi treni. Allora, come ha osservato l’ingegner Claudio Cancelli, del Politecnico di Torino, i grandi interessi che spingono per captare enormi quantità di denaro pubblico (solo sull’asse del Brennero circa venti miliardi di euro) hanno “venduto” l’idea che, invece, abbia senso far viaggiare ad alta velocità le merci. «In questo modo si sono giocati la carta "ambientalista" del treno alternativo al trasporto su gomma. Peccato, però, che dalle stesse analisi e proiezioni ufficiali si veda facilmente che con l’alta capacità i Tir in circolazione non diminuirebbero; semplicemente, fra venti o trent’anni si potrebbe trasferire su ferrovia la quota relativa all’aumento di autotreni prevista da qui ad allora».

Insomma, si pensa a un’opera mastodontica quando sarebbe ragionevole, notevolmente più rapido e meno costoso migliorare la ferrovia esistente (per trasportare più passeggeri fra le città italiane e per ottimizzare il settore commerciale oggi ancora sottoutilizzato). Ma, innanzitutto, urge dotarsi di un piano generale sul traffico e di correttivi economici capaci di mitigare il trasporto impazzito di merci (tipo il latte di Amburgo venduto a Palermo) nel contesto globale che rischia di vedere l’Italia ridotta a piattaforma logistica d’Europa, fra delocalizzazioni industriali, con via-vai di Tir, e commerci crescenti via mare con l’Asia.

Sulla mancanza di politiche adeguate si è soffermato un altro ingegnere del Politecnico torinese, Angelo Tartaglia, il quale ha sottolineato, fra l’altro, che il modello economico attuale genera un aumento di movimentazioni di merci che non si traduce, però, in crescita del Pil, anzi, è in controtendenza: la prova che bisogna intervenire subito e con politiche.

Sulle ricadute in Trentino si è dilungato il giurista Gianfranco Poliandri, membro della Spazio No inceneritore No Tav, che ha insistito, fra l’altro, sui gravi rischi per le falde acquifere (si veda l’articolo sopra) ma anche sulla presenza dei numerosi cantieri che invaderebbero il territorio da qui al 2040, nonché sui sei milioni di metri cubi di materiale di scavo di cui quasi un terzo va collocato in discarica.

Il giornalista Zenone Sovilla, che moderava il dibattito, ha posto l’accento sull’opacità decisionale che avvolge questa e altre grandi opere, con l’opinione pubblica che viene informata poco e spesso fuori tempo massimo, mentre si tende a delegittimare o addirittura a criminalizzare il dissenso. Un quadro in cui emergono anche le difficoltà dei mass media a descrivere la dimensione dei fenomeni e a esercitare un reale controllo democratico sulle manovre dei poteri.

Renato Bussola, che ha descritto lo shock in Alto Adige per l’apertura dei primi cantieri che «sventrano le nostre colline» e la conseguente crescita di una mobilitazione che si dà appuntamento anche stasera, a Prati di Vizze, in cui la Svp e società Bbt illustrerà il progetto alla popolazione. È atteso anche un faccia a faccia tra i comitati No Tav e il presidente della Provincia Luis Durnwalder.

l’Adige, 11 giugno 2007

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci