Bussoleno: esito dell'assemblea NO TAV

 

L'assemblea ha visto una straordinaria partecipazione, al livello di quelle tenute nei momenti più caldi del 2005: presenti tutte le componenti del movimento NO TAV, con migliaia di persone ad ascoltare dall'esterno della sala stracolma.

La relazione di Ferrentino

I punti salienti hanno sancito la posizione dei Sindaci al Tavolo Politico del 13/6. L'accordo col Governo ha riguardato esclusivamente questioni di metodo: abbandono definitivo dei progetti TAV precedenti di RFI ed LTF (c.d. "sinistra Dora", tunnel di base compreso) e prosecuzione del confronto col territorio nell'Osservatorio.

L'Osservatorio Tecnico (cui i sindaci continuano ad assegnare valore molto positivo) deve proseguire unicamente l'analisi sull'effettiva esigenza di una nuova linea (SE fare il TAV) e non occuparsi di tracciati progettuali. I tecnici della Comunità Montana hanno un rigido mandato in questo senso (cfr. Dichiarazione dei tecnici di Bassa Val di Susa e Gronda Nord). È ancora tutto da esaminare il "nodo di Torino".

I tracciati progettuali

L'indicazione dell'Osservatorio è che l'attuale sistema è sufficiente almeno fino al 2030, pertanto l'unica soluzione sostenuta dai sindaci è l'opzione zero: tunnel attuale, linea storica e collegamento già esistente con lo scalo di Orbassano attraverso il bivio Pronda.

Il bando per il finanziamento UE

La partecipazione al bando è scelta autonoma del Governo e non impegna nessun altro; l'Osservatorio non supporterà in alcun modo la redazione del "dossier" di documentazione da  presentare all'Europa.

Gli interventi

Numerosissimi, fino ad ora molto tarda, hanno tutti in sostanza ribadito le posizioni consolidate del movimento, riassumibili nello slogan: NO TAV, né qui, né là, né sopra, né sotto. Sono state avanzate molte proposte per iniziative su diversi piani, tutte volte a ribadirlo pubblicamente ed a smascherare di fronte alla UE la truffa di una partecipazione al bando-finanziamenti senza progetti e senza il consenso delle popolazioni. È stato da molti richiesto ai Sindaci di convocare Consigli Comunali aperti per tornare a deliberare su mozioni "NO TAV", come via maestra di democrazia partecipata per recepire le posizioni espresse a parole in assemblea. 

La conclusione

Ferrentino si è impegnato a portare alla Conferenza dei Sindaci la richiesta di convocazione dei Consigli sulla mozione indicata.

www.notavtorino.org

Bussoleno, 19 giugno 2007

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci