«Caro Walter, le tue erano lacrime di coccodrillo»
Padre Alex duro con Veltroni: «In Africa si commosse ma poi niente fatti»

 

TRENTO. Veltroni non ha fatto in tempo a sedersi sulla poltrona di segretario del Pd che già gli arrivano critiche (pesanti) da chi in teoria dovrebbe essergli di supporto: «Una delle cose che abbiamo contestato a Veltroni qui a Roma, è stato il fatto che lui ha detto sì ai “’Codici Etici”, come per esempio il non accettare la sponsorizzazione di determinate multinazionali per i vari eventi. Ma poi non li ha rispettati nonostante tutte le proteste che abbiamo fatto». Lo ha detto padre Alex Zanotelli durante la registrazione di “Controcorrente”, approfondimento di Sky Tg24.

Il missionario comboniano ha ricordato la visita del neo segretario del Pd a Korogocho, dove Zanotelli è attualmente impegnato: «Veltroni non si aspettava una cosa del genere. È rimasto profondamente scioccato, l’abbiamo accolto con una festa dei bambini della scuola. Di fronte a lui c’era la discarica e si è messo a piangere, era proprio commosso». «Una grande qualità di Veltroni - ha aggiunto padre Alex - è certamente la sua notevole capacità relazionale. Altra cosa poi è passare questo in chiave politica, su questo io ho l’impressione che non ci siamo. Ho l’impressione che ormai i politici decidano pochissimo e chi decide sono i potentati economico finanziari. A questo livello, persone come Veltroni devono avere molta più grinta» è la sua conclusione. E per il segretario non è un buon inizio.

Trentino, 17 ottobre 2007

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci