Comunicato stampa

Bersani contestato al WEC

I No Coke, con le mani insanguinate,
offrono al Ministro carbone e fischi davanti ai cancelli
dove è in corso il WEC alla Fiera di Roma

 

Roma, 12 novembre 2007 - Momenti da dimenticare per il Ministro Bersani che davanti ai cancelli del WEC, in corso alla nuova fiera di Roma, ha ricevuto un’accoglienza al “carbone” dai rappresentanti delle vertenze ambientali di tutta Italia.

I delegati del “OTHER EARTH”, si sono dati appuntamento per proseguire il “Controvertice sull’Energia” proprio dinanzi  ai cancelli del convegno dei potenti dell’Energia, il World Energy Council  a Roma.

I No Coke hanno preparato accuratamente l’accoglienza per il passaggio della macchina del Ministro Bersani. Le donne, di cui molte mamme, con le mani insanguinate, offrivano carbone in segno di protesta per le morti che il territorio intorno a Civitavecchia dovrà subire per colpa dell’utilizzo del carbone come combustibile nella centrale elettrica di Torre Valdaliga Nord.

Deludente la reazione del Ministro che si è barricato dietro il bavero del cappotto e della macchina di Stato per non parlare con i protestanti giunti da tutta Italia. Siamo amareggiati, dicono in coro, questo non è quello che professava prima delle elezioni e della sua nomina a Ministro; diceva che avrebbe ascoltato i territori, i cittadini in difficoltà.

Bersani non solo non vuole ascoltare i cittadini ma neanche i suoi colleghi, il Ministro della Salute ed il Ministro dell’Ambiente, che gli hanno scritto preoccupati per lo stato di salute del territorio intorno a Civitavecchia già lungamente compromessa da 50 anni di servitù energetiche.

 

È  per questo che prosegue in tutta Italia

la raccolta di firme a supporto della denuncia a Bersani
per omissioni di atti d’ufficio alla Procura di Roma.

 

Contatti: 329 7924124 – 335 8272742

nocoketarquinia@yahoo.it

www.nocoketarquinia.splinder.com

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci