Diossine nel latte a Brescia: decadenti “modelli” e sudditanze
In una realtà urbana in cui le principali fonti di emissioni di diossine
sono gli inceneritori e il settore metallurgico

 

Da cinque anni tutte le Autorità Istituzionali deputate alla tutela ambientale a Brescia, a Milano e a Roma, soprattutto l’Arpa e la stessa Magistratura, sono state più volte allertate perché attorno all’inceneritore Asm e all’Alfa Acciai si misurassero le diossine e i PCB di ricaduta delle emissioni.

Perché non si è fatto?

Su www.ambientebrescia.it la relazione dei Cittadini per il riciclaggio e del Comitato Ambiente Città di Brescia.

Brescia, 18 dicembre 2007

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci