Assediato da veleni e atomizzatori

 

Venerdì sera: oh, finalmente, la settimana lavorativa è finita. Per sabato mattina, dopo giorni di intensa pioggia, la previsione meteo prevede bel tempo e potrò finalmente dedicarmi ai lavori nel giardino e nell'orto. Sabato: mi alzo di sobbalzo svegliato da un rumore continuo ed assordante, guardo l'orologio, sono le 6,30. Ma cosa succede? Guardo dalla finestra e vedo almeno cinque atomizzatori in piena funzione che sparano veleno dappertutto. Mi alzo, non apro ovviamente le finestre, faccio colazione, mi preparo per uscire, apro la porta… esco. Appena fuori sono assalito dal tipico odore inconfondibile del veleno nauseante, acido, irritante. Ho capito, è meglio rientrare in casa prima che comincino ad irritarsi il naso, occhi e gola. Seccato sbatto la porta; addio giardinaggio, altro che vita all'aperto… ci risiamo con l'ennesimo fine settimana al veleno.

 

Ma quale intruglio velenoso ci offrono per questo week end? Consulto i bollettini dell'Istituto agrario: Carbaryl, Chlorpirifos ethil, Confidor. Apro Internet e faccio una ricerca da cui ne esce un quadro alquanto preoccupante: Chlorpirifos ethil insetticida, è del 1965, è tossico per l'uomo e molto tossico per gli organismi acquatici, determina effetti sul sistema nervoso ed è inibitore della colinesterasi… ecc; Carbaryl insetticida, principio attivo del 1982 di cui sarà proibito l'uso da novembre di quest'anno perché ritenuto cancerogeno (però intanto ce lo gustiamo); Confidor insetticida del 1996 (meno male che questo ha solo 12 anni!) il cui principio attivo inibisce la colinesterasi. Ma come! Ci assicurano che adesso usano prodotti di terza generazione, del tutto innocui! Bene, questo significa che sul mio balcone, sul mio orto sul mio giardino si sono depositati in aggiunta alle precedenti, altre tre sostanze molto nocive per la mia salute e ci resteranno per un bel po' (tempo di carenza: Carbaryl 80 giorni; Clorphirifos 30 giorni; Confidor 28 giorni), ma non resteranno sole; la settimana prossima e così per tutta l'estate se ne aggiungeranno tante altre ed altrettanto tossiche. Bella prospettiva, vero.

 

Sono le dieci provo a riuscire. Impossibile, l'odore è ancora persistente ed il rumore degli atomizzatori, continuo. Ma che bella giornata… speriamo che piova! Oddio, no altrimenti ricominciano. Domenica mattina: non piove, menomale. Puntuale alle 6,30 arriva l'ultimo atomizzatore che probabilmente soffre d'insonnia.…ma è vita questa?

 

Virgilio Rossi

l’Adige – Lettere, 26 maggio 2008

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci