Un'inchiesta sulla terza linea dell'inceneritore Asm di Brescia. Mesi fa l'esposto di Cittadini per il riciclaggio e Comitato ambiente. La Procura vuol vederci chiaro

Tarquini: «Siamo attenti ai problemi ambientali, la realtà bresciana è complessa»

di Wilma Petenzi

 

(...)

Non c'è pace per l'inceneritore di Brescia. Dopo la messa in mora della terza linea da parte della Commissione europea adesso scende in campo anche la Procura bresciana. Sulla terza linea del termoutilizzatore, quella destinata a bruciare 250.000 tonnellate di rifiuti speciali in aggiunta alle due linee già in funzione per rifiuti urbani e speciali per un totale di 750.000 tonnellate all'anno, stanno lavorando i magistrati della procura di Brescia.

«La procura è attenta alle problematiche ambientali - si limita a commentare il procuratore della Repubblica Giancarlo Tarquini - e la realtà di Brescia è molto complessa. Stiamo lavorando e valutando bene la situazione». Il fascicolo sarebbe stato aperto nei giorni scorsi, ma per ora non ci sarebbero persone indagate, nè sarebbe stata formulata una precisa ipotesi di reato. La Procura di Brescia vuole solo fare chiarezza su un argomento di pubblico interesse, su una situazione che sta a cuore ai bresciani che vogliono sapere quali e quanti rifiuti finiscono nel maxi-bruciatore di via Codignole e che rischi ci sono per l'ambiente e la combustione che impatto ha sull'aria che si respira ogni giorno. Per molti cittadini le rassicurazioni che vengono da Asm e Comune non sono sufficienti. E la situazione, ovviamente, è peggiorata in questi ultimi giorni mentre monta la polemica sull'arrivo dei rifiuti dalla Campania: tonnellate in più di spazzatura, è il pensiero più diffuso, non possono che peggiorare la situazione.

Non è escluso che l'esposto inviato qualche tempo fa in procura dal Comitato Ambiente e dai Cittadini per il riciclaggio abbia «solleticato» ulteriormente l'attenzione della magistratura ai problemi ambientali della nostra città.

Nell'esposto in questione, inviato dai Cittadini per il riciclaggio, di cui è portavoce Marino Ruzzenenti, e dal Comitato ambiente città di Brescia (portavoce Luigi Tosetti) sono state elencate una serie di perplessità. «Abbiamo evidenziato una serie di possibili irregolarità - commenta Ruzzenenti - e per scrupolo abbiamo inviato le nostre perplessità, di cui parliamo da tempo con i cittadini e gli amministratori, anche alla procura». Tra le possibili irregolarità evidenziate dai comitati ci sarebbe uno «sgarro» nella raccolta. «Il termoutilizzatore - dice Ruzzenenti - continua a bruciare rifiuti speciali provenienti da fuori provincia, senza alcuna autorizzazione. Quelle che vengono chiamate "biomasse" altro non sono che rifiuti speciali». I due comitati nutrono anche perplessità sulle emissioni, i limiti previsti per il pcb sono incongruenti con la legislazione.

La terza linea del termoutilizzatore, come spiega l'assessore comunale all' Ambiente Ettore Brunelli che non sapeva dell'inchiesta avviata in procura, sta funzionando da febbraio: «È in una fase di messa a punto - spiega l' assessore - dal punto di vista tecnico. La terza linea sta funzionando con "biomasse", cioè rifiuti speciali non pericolosi indicati nel decreto Ronchi del '98. Si stanno bruciando tessuti vegetali, scarti di cartiera, legno». E per quanto riguarda la messa in mora, la commissione aveva chiesto al Governo italiano di spiegare le scelte compiute. Il Governo avrebbe risposto alla commissione di Bruxelles. «Secondo il Governo - aggiunge Brunelli - la terza via, essendo un impianto di recupero energetico, sarebbe in regola con la legge italiana». Per il Governo è tutto ok. E per la procura?

 

Brescia oggi - venerdi 26 marzo 2004

 

 

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci