Nota della redazione di Ecce Terra
Anche in Trentino le vacche mangiano soia Ogm

E i Trentini cosa mangiano?

 

Comunicato stampa - 29 luglio 2009

 

Segnaliamo alcuni interessanti approfondimenti su “filiera corta” e “lunga” del prof. Michele Corti in cui vengono evidenziate alcune macroscopiche anomalie e contraddizioni che ovviamente riguardano anche il Trentino:

- Buy local? Sì, ma... - Caseus n° 2, marzo-aprile 2009;

- Quel latte รจ "troppo" naturale. Non si deve bere - Porthos n° 33-34, 2009;

- Gli impatti della soia.

 

Ampio spazio (leggi in calce i titoli dei quotidiani locali) è stato dedicato alla protesta di Coldiretti che lamenta la dubbia o impropria provenienza (e la qualità) di ortaggi, latte, carne ecc.

Ma riguardo a “indicazioni sulla provenienza… tracciabilità… qualità dei prodotti…” non si dovrebbe dimenticare quali sono provenienza, tracciabilità e qualità dei concentrati con cui si cibano gli animali da allevamento.

 

A proposito di carne, è noto che la gran parte delle mucche trentine si ciba di mangimi composti di soia ed è anche noto che di soia naturale (no Ogm) ce n’è sempre meno. Gli ultimi dati sul consumo di soia nazionale ci dicono che siamo intorno al 5%.

Secondo i dati Fao più recenti (2005), sommando farina di soia e soia l’Italia ha importato: dall’Argentina il 46%, dal Brasile il 41%, dal Paraguay l’8%, dagli Usa il 3%.

In Brasile, la soia proviene sempre più dal Mato Grosso. Quel Brasile di Lula, affamato di materia prima, ha fatto enormi impianti per produrre farina di soia. Un altro produttore ed esportatore emergente è il Paraguay (leggi doc uno - due - tre). Gli impianti nati brasileros sono oggi in mano alle solite multinazionali (leggi doc uno - due  - tre - quattro - cinque)  e prendono il posto dei ranch.

In Argentina la situazione vede la distruzione di ampi territori della regione del Chaco, in Paraguay stanno sparendo le foreste a nord (le ultime) nel Paraná, in Brasile si erode la savana e la foresta amazzonica. Ovunque si consumano le riserve di acqua, con elevatissimi consumi.

 

La soia zootecnica è un business, si estrae con l’esano, un solvente tossico. Per coltivare la soia servono grandi quantità di acqua (leggi doc). In Amazzonia la attingono dalla falda più profonda e grande esistente al mondo (leggi doc uno - due), formatasi in millenni di anni, portando un altro duro colpo agli equilibri naturali di quella vasta regione, polmone del mondo (leggi doc). Inoltre in Brasile ci sono dai 100.000 ai 200.000 schiavi (stima approssimativa) che lavorano nelle fazendas, comprese quelle della soia.

 

Dunque, in un mondo sempre più piccolo e globale, soia vuol dire Ogm e anche in Trentino le vacche mangiano soia Ogm.

In misura maggiore dove c'è la monocoltura del mais, come a Fiavè, perché il mais è povero di proteina; ma le alte produzioni attuali fanno ricorrere alla soia anche dove usano fieno.

La nostra carne, il nostro latte sono soia Ogm trasformata in macchine da latte e bistecche che direttamente o indirettamente causano l'erosione della foresta pluviale e la schiavitù. Parliamo di etica, a volte per essere garbati e dimostrarci sensibili, ma quando diciamo che il latte di malga, quello della filiera corta davvero, è etico diciamo una cosa che è più vera, più forte, più reale di quanto siamo in grado di concepire.

 

Il sistema mondiale della soia zootecnica è un sistema di distruzione dell'ambiente e di iniquità sociale. Il gioco lo conducono le multinazionali dei pesticidi.

Bisogna dire ai consumatori che un latte e una carne sostenibili, per chi vuole continuare a mangiarne, devono essere fatti senza soia, “naturalmente” Ogm.

 

Qui altri documenti (uno - due) sulla soia Ogm della globalizzazione.

 

● ● ●

 

Seguono i titoli della cronaca locale

 

 

Corriere del Trentino, 22 luglio 2009

La protesta. In migliaia ieri al presidio di Coldiretti sulla frontiera.
Dellai rilancia il chilometro zero
Mellarini: «Latte, servono regole»

Anche il ministro Zaia al Brennero: «Pronto un disegno di legge»

 

Corriere del Trentino, 24 luglio 2009
Vertice. Il ministro Zaia rassicura gli assessori.
Berger-Mellarini: mozione sull’etichettatura
Agricoltura, compromesso tra le Regioni

 

 

l’Adige, 22 luglio 2009

Pomodori “made in Italy” dall’Olanda

Denuncia di Coldiretti. La destinazione è Sait
Latte dalla Germania da lavorare in Trentino

 

l’Adige, 23 luglio 2009

I pomodori “irregolari” diretti in Puglia

Quelli destinati al Sait e alle Coop trentine
Riportavano correttamente l’origine olandese

 

 

Trentino, 22 luglio 2009
I semilavorati arrivano da paesi stranieri
e vengono spacciati per «made in Italy».
Bloccati numerosi camion

Protesta al Brennero: basta latte taroccato

Centinaia di iscritti Coldiretti hanno manifestato in difesa dei prodotti italiani
Presente anche il ministro Zaia: «Sono con voi»

 

Trentino, 23 luglio 2009
Latte e yogurt, il sospetto in tavola

La Coldiretti chiede etichette chiare: «Per difendere i prodotti italiani»

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci