Filosofia per tutti

Un elogio della sobrietà

Contro la voglia del tutto e subito

 

Sobrietà, terra (e parola) in esilio, ancora rincorsa da sognatori impenitenti, dentro giornate che celebrano l'«eccesso». Non dà respiro la voglia di possesso e di dominio: cose e persone travolti dall'orgoglio e dal senso di onnipotenza ormai straripante... e l'«altro» annientato, cancellato, insignificante!

La sobrietà non è virtù che riguarda unicamente i beni e le ricchezze, è virtù che tocca l'interezza dell'anima e della vita, quella personale, quella civile, quella ecclesiale. Sobrietà è uno stile di vita. Si potrebbe dire che essa abita la terra del «piccolo», è il credere che i tesori sono nascosti nello spazio dei «piccoli», e crederlo testardamente, a dispetto di una numerosa razza di odierni «scavatori», che persiste a cercare tesori altrove, presso i grandi, all'ombra dei potenti, tra trono e altare.

Misconoscimento della sobrietà è la fretta che ci consuma, è la pretesa, il tutto subito, la voracità. Anche in amore: l'altro come oggetto di conquista e di consumo; anche nell'amicizia: l'altro come strumento utile di relazioni; anche nella conoscenza, l'altro come spiraglio per un mondo da tenere sotto controllo. Livellamento, disprezzo, oscuramento dell'altro, e scomparsa di umanità, di giustizia, di sincerità: questo è ciò che trionfa, si impone, crea seguito. Ci vuole sobrietà per «saper trattare con l'altro», scrive Maria Zambrano, la grande filosofa spagnola, segnata dall'esperienza dell'esilio. Per lei «l'altro» sono tutte le idee, gli uomini, le speranze che nella storia sono state vinte, emarginate, dimenticate dalla «ragione vincente», quella che, sicura di sé e delle sue preferenze, è stata imposta agli uomini, che se ne sono fatti paladini. Sobrietà contro la «ragione vincente»: attenzione, anzi discesa ai luoghi più segreti dell'essere di ciascuno, alle sue «viscere», come si immagina la grande esiliata. Ci vuole un sapere segnato dalla sobrietà, che non riduca la realtà e ogni «altro» a semplice elemento chiarificatore della coscienza individuale. Occorre accettare che l'altro sia, che sorga, fuori dal gioco di Narciso, che rispecchia solo se stesso, soddisfatto della contemplazione di sé. La sobrietà non è mai autoreferenziale. Per Maria Zambrano essa assomiglia alla «pietà», intesa come un «saper trattare con il mistero», che accetta l'ombra, l'ambivalenza dell'indistinto e non pretende di venire in chiaro con l'altro da subito. Essa sa attendere, temporeggia, perché il «diverso» non può essere violentato, annullato, risolto a proprio favore e quindi usato per il proprio tornaconto. Uno sguardo sobrio del cuore e della mente lascia essere ciò che è, senza cadere nell'indifferenza.

Uno sguardo sobrio nei gesti e nei pensieri è riserbo, salvaguardia, riguardo, preoccupazione e cura, rispetto e ascolto rinnovato. Una mente sobria è una mente capace di respiro e di attenzione, libera e presente nei confronti degli altri; essa non diventa schiava di pregiudizi e per questo si muove verso le persone e verso il mondo senza imporsi, attenta e recettiva. Sobrietà è proprio questa capacità di «trattenere» pensieri e gesti e di muoversi per cogliere con fedeltà la realtà per come si dà a conoscere. Simone Weil parla addirittura di uno «sforzo negativo» della sobrietà, per indicare la disattivazione del proprio io invadente, la sospensione del giudizio, che permette di entrare con più attenzione, e anche con più profondità e forza, nella storia delle persone, nei contesti della vita concreta. La sobrietà ascolta tutte le plurali risonanze che la ricchezza dell'esperienza porta con sé, scoprendone l'originalità e la freschezza.

«Il quotidiano, l'esistenziale, il profondo dell'uomo e delle sue relazioni» spesso sfuggono alle certezze di superficie, nascondono realtà e tesori che nessuna scienza e tecnica possono portare allo scoperto, perché non sono generalizzabili. Così la sobrietà è la capacità di non «ridurre a uno» la singolarità di ogni donna e di ogni uomo. Essa si lascia ogni volta interrogare e chiamare in causa, anzi va incontro all'altro in modo da «essere in ritardo», così da non essere invadente e presuntuosa nei suoi confronti. La sobrietà è un modo di vivere l'attesa e l'obbligazione, è ascolto del desiderio della realtà più che della tensione e dare realtà al desiderio. Essa è concentrazione su ciò che nasce, sui fremiti e sui gemiti; essa è ottimismo, sì, ma ottimismo tragico, senza superficiale illusione, a volte soltanto resistenza al male, un sobrio essere intensamente nella vita, nei progetti e nei ruoli che essa ci chiede, ma pronti ad andarsene in ogni momento. Non c'è in essa nessuna retorica sacrificale, né accettazione di un dovere che dall'esterno imponga pesi e rinunce, bensì espansione, dilatazione, respiro aperto. Per questo essa è rara e non è amata né dalla politica né dalla religione.

 

Marcello Farina

l’Adige, 22 aprile 2006

 

 

 

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci