Bene anche Fierozzo (79%) e Sant’Orsola (78%).

L’Amnu annuncia: la raccolta inizia anche a Levico Terme e Tenna

Valle dei Mocheni, differenziata record

Frassilongo il più virtuoso dell’Alta Valsugana: ha raggiunto l’81%

 

PERGINE. Tra una settimana l’Amnu inizia anche nei comuni di Tenna e di Levico la distribuzione dei contenitori per la raccolta “personalizzata” dei rifiuti urbani. A Tenna il servizio sarà avviato il 3 luglio, mente a Levico si comincerà il 2 ottobre. Con l’avvio del servizio, meglio conosciuto come “porta a porta”, saranno inoltre ritirati tutti cassonetti stradali del rifiuto indifferenziato.

L’Amnu comunica che il 26 e 27 giugno, al municipio di Tenna, entrando dalla caserma dei vigili del fuoco, i residenti potranno ritirare i contenitori per la raccolta porta a porta di rifiuti urbani. Analoga possibilità per i residenti nel comune di Levico Terme, che dal 28 giugno al 13 luglio, avranno la possibilità di ottenere il proprio contenitore, rivolgendosi al cantiere comunale in piazza Medici. In entrambi i comuni l’orario per il ritiro è fissato dalle 13 alle 20. L’azienda completa in tal modo, dopo due anni, il programma di introduzione del servizio personalizzato su tutto il territorio dei 18 comuni dell’Alta Valsugana.

È un traguardo importante, perché l’Amnu ricorda che con questo servizio si sono potuti raggiungere importanti obiettivi di riciclaggio dei rifiuti. Le raccolte differenziate hanno raggiunto il 75% nei territori già serviti, e una forte diminuzione del rifiuto smaltito in discarica, passato dai 500 kg per persona all’anno agli attuali 100 kg. Il primo risultato è stato quello di prolungare la durata della discarica, che altrimenti si sarebbe esaurita nel 2007. A cominciare dal 2007, tutti gli utenti di bacino pagheranno una tariffa più equa, proporzionata al rifiuto residuo conferito alla raccolta. La raccolta di rifiuto residuo registrata nei primi cinque mesi del 2006 è di 3.009 tonnellate, contro le 4.190 dell’analogo periodo del 2005, con una diminuzione del 28%. Parallelamente è aumentato il totale delle raccolte differenziate, che dalle 4.176 tonnellate del 2005 è salito a 5.037 tonnellate. Tra le differenziate sono ai primi posti la raccolta di carta, con 1.353 tonnellate, poi l’organico (1.264), il verde e le ramaglie (776), il vetro e le lattine (728), il ferro (256), il legno (254), la plastica (229). Tra le differenziate, curioso perché è anche indice di un certo benessere oltre che di un rinnovamento e aggiornamento nel settore, il conferimento di elettrodomestici, frigoriferi e Tv, ben 90 tonnellate in cinque mesi, con un aumento rispetto all’analogo periodo del 19%.

Tra calcoli e percentuali, non poteva mancare una classifica per comuni, “ricicloni”. Il più virtuoso e Frassilongo con l’81% di raccolte differenziate. Seguono Vignola Falesina e Bedollo con l’80%, Fierozzo, Centa S. Nicolò, Vattaro e Baselga di Pinè con il 79%, Fornace, S. Orsola Terme e Bosentino con il 78%, Caldonazzo con il 77%, Vigolo Vattaro con il 76%, Civezzano con il 74%, Palù del Fersina con il 73%, Calceranica al Lago e Pergine con il 72%. Chiudono Levico e Tenna, rispettivamente con 32 e 19%, ma qui la vera raccolta differenziata inizierà a breve.

 

Fernando Valcanover

Trentino, 20 giugno 2006

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci