Bosetti (Td): «Come consigliere e come dottore da tre anni dico no al progetto»

«Inceneritore: intervenga l'ordine dei medici»

 

«È ora che l'ordine dei medici prenda posizione sul progetto dell'inceneritore, è giusto che sia l'ordine professionale che l'azienda sanitaria escano allo scoperto e vengano coinvolti sul tema». Stefano Bosetti, medico e consigliere comunale, interviene in merito a quanto dichiarato dal Comitato anti-inceneritore, secondo cui nel dibattito sulle polveri inquinanti e sul progetto di Ischia Podetti i medici sono del tutto assenti.

«È dal 2003 che mi schiero contro l'inceneritore, che parlo dei rischi per la salute che tale progetto potrà portare - spiega il consigliere di Trento democratica -, è vero all'interno dell'ordine professionale non si è mai discusso di questo problema e che nemmeno l'assessorato alla salute si è mai espresso, ma in consiglio comunale io, da medico, ho sempre detto no all'inceneritore».

Bosetti interviene sia come professionista della salute che come rappresentante istituzionale. «Sono contrario ad avere l'inceneritore fuori dalla porta di Trento, che il progetto non considera l'aspetto della salute dei cittadini - evidenzia Bosetti - da tre anni esprimo questi concetti in consiglio comunale. Credo che non sia giusto che si debba sopportare un altro inceneritore oltre a quello che c'è già a Trento, ossia l'autostrada. Sul tema dei rifiuti, inoltre, io sono sempre stato contro questo tipo di gestione: i rifiuti non devono arrivare tutti in città, ma essere lavorati nei comprensori dove sono prodotti e raccolti».

 

l’Adige, 11 agosto 2006

 

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci