Contro l'inceneritore dei rifiuti scendono in campo i politici

 

Contro l'inceneritore dei rifiuti scendono in campo i politici. Una formazione trasversale, che va da Rifondazione comunista fino alla Lega Nord, passando per i Verdi, la Margherita e Forza Italia, è pronta a partecipare alla staffetta del digiuno avviata due anni e mezzo fa da Nimby Trentino. Una scelta di lotta nonviolenta che vedrà coinvolti per la prima volta anche alcuni consiglieri provinciali, due dei quali membri di quella maggioranza di centrosinistra che ha concepito e sta portando avanti il progetto. I ribelli della coalizione di governo sono Giorgio Viganò e Roberto Bombarda. Il primo è esponente dell'ala sociale della Margherita, il secondo dei Verdi. Tra gli altri politici di spicco si segnalano il senatore leghista Sergio Divina ed il consigliere provinciale di Rifondazione comunista Agostino Catalano, affiancato da tutto il gruppo consiliare di palazzo Thun, composto da Lucia Coppola, Tommaso Iori e Mamadou Seck.

Un bel colpo per Nimby è il coinvolgimento del consigliere comunale di Trento democratica Stefano Bosetti. Medico, convinto oppositore del progetto, Bosetti si è sempre dissociato dalla maggioranza ma tenendo un profilo basso, non apertamente polemico, nei confronti del centrosinistra. Senza però mai scendere a compromessi. Al digiuno parteciperanno anche i due consiglieri Verdi a palazzo Thun, Carlo Biasi e Elio D'Annunzio. Il secondo ha tra l'altro già preannunciato con un'intervista al nostro giornale la volontà di astenersi dal cibo in occasione di tutte le sessioni di consiglio comunale, dal martedì alle 18 al mercoledì alle 21, finché non verrà effettuato uno studio approfondito sulle possibili alternative all'impianto di combustione dei rifiuti. Per il centrodestra comunale aderiscono alla staffetta i due forzisti Luigi Merler, storico oppositore dell'inceneritore, ed Ettore Zampiccoli, vice presidente del consiglio comunale e coordinatore provinciale del partito. Parteciperanno anche amministratori dei Comuni di Arco, Pergine, Levico, S.Michele, Villalagarina e Faedo.

I dettagli verranno illustrati oggi in una conferenza stampa. Intanto il presidente del consiglio provinciale, Dario Pallaoro, ha annunciato l'indizione per fine novembre, su richiesta di Forza Italia, di una conferenza di informazione sulle politiche di smaltimento dei rifiuti.

 

F.G.

l'Adige, 22 settembre 2006

 

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci