Lettere

 

Dellai e Pacher così non va

 

Sono un cittadino che finora ha sempre votato centro-sinistra nella convinzione che tale parte politica sia più attenta di altre alle tematiche ambientali e della salute, ma sto riconsiderando le mie convinzioni soprattutto per quando riguarda la futura realizzazione dell'inceneritore.

Mi chiedo spesso, se io fossi un amministratore della cosa pubblica, quali sarebbero le priorità da perseguire nella mia azione; il lavoro, l'economia, le tematiche sociali, la scuola, il business delle false energie rinnovabili... ma la salute viene prima di tutto.

I danni alla salute provocati dagli inceneritori sono ormai noti e dimostrati (vedere studi di Stefano Montanari e Antonietta Gatti ampiamente documentati sul sito di Beppe Grillo, eccetera) specialmente in un territorio orograficamente non adatto come la Valle dell'Adige (ampiamente documentato anche questo dal professor Zecca dell'Università di Trento) dove ai già noti problemi di ristagno delle polveri e inquinanti vari si aggiungerebbero anche le nanoparticelle dell'inceneritore.

È pure noto che in luoghi dove ci sono inceneritori, come nel Bresciano, ci sono le più alte concentrazioni di sarcomi e neoplasie varie. Dal mio punto di vista comunque, basterebbe solo avere dei dubbi (purtroppo ormai fugati) su tali conseguenze per bloccare la realizzazione degli inceneritori, esistendo valide alternative.

Aggiungo che la «termovalorizzazione» come ingannevolmente chiamata è tecnologia superata che in molte parti del mondo (Stati Uniti-Germania) stanno abbandonando. La popolazione non è più «ignorante» come quando si è votato il referendum, e sta prendendo coscienza di queste tematiche, basta guardare il moltiplicarsi di striscioni e stendardi contro l'inceneritore sui balconi e nei giardini nella frazione dove io risiedo per rendersene conto.

Personalmente non capisco la Vostra sorda ostinazione in questo progetto, nonostante tutte le proteste, e credo che in assenza di cambi di rotta, sicuramente non voterò più i Vostri partiti ma qualsiasi altro che si opporrà con forza all'inceneritore e credo che lo faranno in molti.

 

Giorgio Mosna - Cadine

l’Adige, 17 dicembre 2006

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci