Un sit-in per chiedere la rimozione di Tolomeo

Superburocrate sfiduciato, guerra tra dirigenti al Territorio

 

È ormai guerra aperta tra il direttore del dipartimento regionale Territorio, Pietro Tolomeo, e il dirigente del servizio Tutela dall’inquinamento atmosferico, Gioacchino Genchi, di cui Tolomeo ha disposto lo spostamento al servizio qualità delle acque. Ieri l’assemblea nazionale dei Cobas ha espresso “solidarietà” a Genchi - funzionario che “sin dagli anni Settanta si è impegnato nella difesa dell’ambiente“, e che in mattinata ha partecipato a una manifestazione delle Rdb davanti all’assessorato di via La Malfa - accusando la Regione di “averlo sospeso dall’impiego”.

“Non c’è nessuna sospensione, Genchi è stato semplicemente assegnato a un incarico che aveva ricoperto per anni - si difende Tolomeo - e si confà maggiormente alle sue caratteristiche professionali, nell’ambito di una riorganizzazione complessiva del dipartimento”. Nei giorni scorsi a fianco di Genchi si sono schierati la CGIL e rappresentanti dell’Unione e della Cdl all’Ars, che con una mozione traversale ha anche “sfiduciato” il direttore del dipartimento. Tolomeo sulla vicenda ha prodotto due relazioni, una alla Procura della Repubblica e una alla Corte dei conti. Ma la guerra tra i due, iniziata ai primi di gennaio, genera le prime conseguenze: il servizio del quale Genchi è responsabile, che si occupa di emissioni in atmosfera, è fermo da quasi un mese. E Confindustria ha indirizzato una lettera alla Regione lamentando il fatto che l’attività di numerose imprese in attese di nulla-osta è ferma.

 

La Repubblica, 7 febbraio 2007

Cronaca di Palermo

 

 

 

 

Comunicato stampa

Sit-in di protesta  contro  le intimidazioni e minacce contro dirigenti e funzionari del dipartimento Territorio e Ambiente

 

Martedì 6 febbraio 2007 si è tenuto davanti l’ingresso dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente un sit-in di alcune ore di protesta contro il clima di intimidazione, di minacce, di aggressione fisica e di ritorsione instaurato dal Dirigente Generale del Dipartimento Territorio e Ambiente, arch. Pietro Tolomeo, contro alcuni dirigenti e funzionari, “rei” di applicare senza sconto alcuno le norme di tutela ambientale oltre che di voler garantire il rispetto dell’ambiente e della salute della gente.

Il presidio è stato organizzato dal sindacato RdB-CUB e dall’Associazione dei Comitati Civici per l’ambiente “Decontaminazione Sicilia” (Augusta-Paternò-Adrano-Campofranco-Isola delle Femmine-ForumBellolampo) e vi hanno partecipato oltre un centinaio di cittadini e lavoratori provenienti da varie parti della regione. Sono intervenuti l’on. Rita Borsellino, il coordinatore nazionale dei Verdi, Massimo Fundarò, il segretario regionale del PRC, Rosario Rappa, il segretario provinciale dei Comunisti Italiani Salvatore Petrucci, Angelo Ribaudo e Silvio Moncada consiglieri alla Provincia di Palermo, rappresentanti di WWF, Legambiente, A.I.A.B. Sicilia, PCC, PRC e Cobas.

È stato fatto il punto della grave situazione di illegalità venutasi a creare con la revoca, arbitraria ed unilaterale, dell’incarico di lavoro del dott. Gioacchino Genchi, responsabile del Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico”, impegnato da sempre in prima fila nei casi più scottanti di mal ambiente, da più di quattro anni sottoposto per questo a tentativi di rimozione dalla sua attività lavorativa, e dei suoi più stretti collaboratori.

Unanime il sostegno da parte di tutti i partecipanti nei riguardi del personale colpito dalla becera repressione e l’impegno a proseguire la mobilitazione con forme di lotta sempre più incisive. Emblematica ed ingiustificata la non partecipazione della FP-CGIL, in origine fattasi carico di indire una assemblea aperta del personale, poi protagonista in negativo per avere disdetto il tutto, senza alcun valido motivo ed all’ultimo minuto, mettendo a serio rischio la riuscita della manifestazione odierna.

 

Augusta, 7  febbraio 2007

 

f.to Il Presidente

(Prof. Luigi Solarino)

lsolarino@unict.it

Cerca

Aggiornamenti

Aggiornati

Inserisci il tuo indirizzo e-mail.  Sarai avvisato ad  ogni aggiornamento  di Ecce Terra.

Inserisci